Assetto organizzativo


La Fondazione dispone di un proprio patrimonio che ne garantisce la completa autonomia gestionale. Attinge a finanziamenti pubblici in minima parte e solo a fronte di attività e servizi gestiti in regime di convenzione. Le funzioni di vigilanza sono attribuite al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca mentre il Consiglio di amministrazione gestisce il patrimonio e fissa gli indirizzi generali. La nomina dei componenti del Consiglio di amministrazione da parte di istituzioni pubbliche nazionali e locali testimonia la rilevanza pubblica dell’attività dell’Ente, mentre i criteri privatistici di gestione e progettualità permettono agilità ed efficienza nella proposta dell’offerta culturale. Da questo binomio trae forza l’autonomia dell’Istituzione.

L’assetto organizzativo della Fondazione è funzionale al migliore raggiungimento delle finalità dell’Ente ed è approvato dal Consiglio di amministrazione in base a criteri di efficienza e funzionalità.  Nel definire tale assetto il Consiglio ha individuato tre Aree principali di attività: Area amministrativa/personale, Area Culturale e di Ricerca, Area Collegio Universitario. Il Consiglio ha individuato inoltre i seguenti Settori funzionali all’esecuzione delle attività della Fondazione: Settore Tecnico, Settore Organizzazione Culturale/Comunicazione, Settore Sistemi Informatici/Tecnologici.

Il Consiglio di amministrazione nomina, definendone le competenze:

  • il Direttore Generale, che coordina tutti gli uffici operanti nei diversi settori;
  • Direttori o Coordinatori delle diverse aree di attività;
  • il Comitato scientifico, di carattere internazionale, che guida e verifica le attività culturali e di ricerca della Fondazione, garantendo la qualità della proposta culturale.

Struttura istituzionale

Gli organi della Fondazione, ciascuno con le proprie autonomie e competenze, sono:

Il Consiglio di amministrazione

composto da sei membri, nominati dal Ministero dell’Università (2), dal Comune di Modena (2), dalla Provincia di Modena (1) e dalla Curia di Modena (1), rimane in carica cinque anni e determina l’indirizzo generale dell’attività e della gestione della Fondazione.

Il Presidente

eletto dal Consiglio fra i suoi componenti, rappresenta la Fondazione e ne ha la firma; convoca e presiede il Consiglio di amministrazione; cura l’esecuzione delle delibere del Consiglio medesimo; resta in carica fino alla scadenza del Consiglio.

Il Collegio dei revisori

composto da tre membri in possesso dei requisiti professionali per l’esercizio del controllo legale dei conti, vigila sul rispetto delle norme legali e statutarie e sulla trasparenza e attendibilità contabile; è nominato dal Consiglio di amministrazione e rimane in carica tre anni.

L’Organismo di Vigilanza

composto da un Presidente esterno e da un membro interno, nominati dal Consiglio di amministrazione, svolge funzioni di vigilanza e controllo in ordine al funzionamento, all’efficacia, all’adeguatezza e all’osservanza del Modello organizzativo della Fondazione.

Organigramma

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

In carica per il quinquennio 2017/2022
Presidente
Giuliano Albarani

Segretario
Vittorio Lugli

Componenti
Massimo Jasonni
Giovanna Morini
Antonio Strozzi
Guido Tacoli

COLLEGIO DEI REVISORI

Presidente
Giovanni Belluzzi

Sindaci effettivi
Claudio Malagoli
Lorenzo Rutigliano

ORGANISMO DI VIGILANZA

Presidente
Avv. Giovanni Catellani

Membro interno
Ljiljana Vujicic

 

 

 

 

DIRETTORI

Direttore Generale
Edith Barbieri

Direttore Scientifico
Carlo Altini

Direttore Collegio Universitario
Don Luca Balugani

COMITATO SCIENTIFICO

Michele Ciliberto
Presidente Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento di Firenze

Birgit Emich
Professoressa di Storia della prima età moderna – Goethe-Universität Frankfurt am Main

Sergio Ferrari
Professore di Biologia Cellulare – Università di Modena e Reggio Emilia

Elio Franzini
Professore di Estetica – Università di Milano

Philippe Hoffmann
Directeur d’études – École Pratique des Hautes Études di Parigi

Bruno Karsenti
Directeur d’études – École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi

Alfonso M. Iacono
Professore di Storia della filosofia – Università di Pisa

Antonello La Vergata
Professore di Storia della filosofia – Università di Modena e Reggio Emilia

Jörg Rüpke
Professore di Religioni comparate – Università di Erfurt

Pierangelo Sequeri
Professore di Teologia fondamentale – Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano

Coordinatore: Carlo Altini, Direttore scientifico – Fondazione Collegio San Carlo