Bando-1776slider-spec

Bando specializzazione annuale 2020/2021


Specializzazione annuale
IN SCIENZE DELLA CULTURA
Bando di concorso 2020/2021

La Scuola Internazionale di Alti Studi “Scienze della cultura” della Fondazione Collegio San Carlo di Modena bandisce un Concorso per titoli per otto posti di specializzazione in Scienze della cultura.

La Scuola, a carattere residenziale, ha come finalità l’alta formazione in Scienze della cultura secondo quattro percorsi di ricerca (Antropologia, Filosofia, Sociologia, Studi Religiosi) e conferisce un Attestato di specializzazione in Scienze della cultura. La Scuola dedica particolare attenzione ai terreni di ricerca all’incrocio tra storia della filosofia, antropologia storica, storia delle religioni, storia del pensiero politico e storia della scienza.

L’attività didattica è concentrata nel semestre febbraio-giugno 2021 e prevede la partecipazione obbligatoria a 250 ore di corsi e seminari di alta formazione interdisciplinare tenuti in lingua italiana, francese e inglese da docenti di chiara fama internazionale. Sono previste 25 ore di formazione annuali sulle competenze trasversali, realizzate nell’ambito del patto formativo del Collegio San Carlo in quanto membro della Conferenza dei Collegi Universitari di Merito (CCUM) riconosciuti e accreditati dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR).

Il conseguimento dell’Attestato è subordinato alla partecipazione a tutte le attività didattiche e al superamento di una prova finale, che verte su temi affrontati nei corsi.

Il Comitato Scientifico della Scuola è formato dai professori: Michele Ciliberto (Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento di Firenze), Birgit Emich (Goethe-Universität Frankfurt am Main), Sergio Ferrari (Università di Modena e Reggio Emilia), Elio Franzini (Università di Milano), Philippe Hoffmann (École Pratique des Hautes Études di Parigi), Alfonso M. Iacono (Università di Pisa), Bruno Karsenti (École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi), Antonello La Vergata (Università di Modena e Reggio Emilia), Jörg Rüpke (Universität Erfurt), Pierangelo Sequeri (Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano).

Sono ammessi al concorso i cittadini italiani e stranieri che, alla data di scadenza della domanda di partecipazione, abbiano conseguito il diploma di laurea magistrale o a ciclo unico (o titolo di studio straniero equipollente ai sensi delle norme vigenti) in filosofia, scienze umane e sociali o scienze delle religioni e non abbiano compiuto i 32 di età.

Sono ammessi sub condicione i candidati che presenteranno la domanda di partecipazione al concorso nei termini previsti ma che saranno in attesa del conseguimento del titolo accademico entro e non oltre il 31 ottobre 2020. Entro quest’ultima data i candidati in questione dovranno presentare alla segreteria della Scuola il certificato di laurea o l’autocertificazione, con indicazione dell’Università che ha rilasciato il titolo, la data di conseguimento e la relativa votazione. Saranno esclusi dal concorso i candidati che non abbiano comunicato il conseguimento del titolo entro i termini previsti o che abbiano trasmesso comunicazioni incomplete o errate.

 

La domanda per l’ammissione al concorso deve essere compilata e inviata tramite l’apposito modulo informatico entro l’8 ottobre 2020.

Nella domanda i candidati devono dichiarare, sotto la propria responsabilità:

  1. a) cognome, nome, data e luogo di nascita;
  2. b) la cittadinanza;
  3. c) di non aver riportato condanne penali;
  4. d) di non essere affetti da malattie che non consentano la vita in comunità;
  5. e) la residenza;
  6. f) l’indirizzo al quale desiderano ricevere le comunicazioni relative al concorso.

La partecipazione al presente concorso è compatibile con la partecipazione al “Concorso per tre posti di perfezionamento triennale” bandito dalla stessa Scuola Internazionale di Alti Studi “Scienze della cultura” per l’Anno Accademico 2020/2021. Tramite il modulo informatico presente nella sezione della Scuola di Alti Studi sul sito della Fondazione è possibile fare domanda per entrambi i concorsi.

La domanda deve essere obbligatoriamente corredata da:

1) curriculum vitae et studiorum (max 2 pagine);

2) certificato di laurea magistrale o a ciclo unico dal quale risultino i voti riportati nei singoli esami di profitto e nell’esame di laurea e la data di conseguimento della stessa. Detto certificato può essere sostituito da una dichiarazione sostitutiva di certificazione, datata e sottoscritta dall’interessato, in cui siano specificati gli elementi richiesti. Gli studenti in attesa del conseguimento della laurea entro il 31 ottobre 2020 devono presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione, datata e sottoscritta, da cui risultino i voti riportati nei singoli esami di profitto e la data fissata per la discussione della tesi di laurea. Le dichiarazioni sostitutive di certificazione dovranno essere accompagnate dalla copia di un documento di riconoscimento in corso di validità, datato e sottoscritto;

3) copia della tesi di laurea in formato digitale, corredata da frontespizio ufficiale;

4) una lettera di presentazione indirizzata al Direttore Scientifico della Scuola Internazionale di Alti Studi “Scienze della cultura” redatta da un docente delle materie afferenti al corso, in cui venga presentato il profilo scientifico del candidato. Tale lettera di presentazione può essere sostituita da una lettera di motivazione (max 3000 caratteri) redatta dal candidato, in cui siano dichiarati i suoi interessi di studio e ricerca connessi alla partecipazione al corso di specializzazione.

A integrazione della domanda è inoltre possibile allegare i seguenti documenti facoltativi:

1) certificazioni di conoscenza delle competenze linguistiche (max 3);

2) titoli scientifici utili ai fini del concorso, quali master, seconda laurea, corsi di perfezionamento, ecc. (max 3);

3) pubblicazioni (già pubblicate) che il candidato ritenga idonee ai fini del concorso (max 5).

La Commissione giudicatrice del concorso è costituita dal Comitato Scientifico e dal Direttore Scientifico della Scuola.

La Commissione giudicatrice procede all’esame delle candidature, sulla base del profilo dei candidati e dei titoli da loro presentati.

La Commissione stila le liste dei vincitori e degli idonei, con le valutazioni espresse in decimi, che sono rese pubbliche per affissione all’albo della Scuola e possono essere consultate all’indirizzo www.fondazionesancarlo.it

La Scuola invia la comunicazione sull’esito del concorso ai soli vincitori entro il 21 dicembre 2020.

I vincitori devono presentare entro il termine prescritto i documenti di cui al successivo art. 7. In caso di rinuncia di uno o più candidati vincitori prima dell’inizio dell’attività didattica, il posto è attribuito immediatamente in base alla graduatoria degli idonei.

Entro il 15 gennaio 2021, i vincitori del concorso devono presentare alla Direzione della Scuola, pena la decadenza dal posto, i seguenti documenti in originale:

  1. a) certificato medico, in data non anteriore a tre mesi, da cui risulti che lo studente non è affetto da malattie che non consentano la vita in comunità e che indichi l’eventuale presenza di allergie o intolleranze;
  2. b) due foto formato tessera di cui una controfirmata;
  3. c) certificato di laurea magistrale o a ciclo unico dal quale risultino i voti riportati nei singoli esami di profitto e nell’esame di laurea e la data di conseguimento della stessa (per chi in sede di domanda di ammissione avesse presentato una dichiarazione sostitutiva di certificazione);
  4. d) una copia a colori di un documento di identità in corso di validità e del codice fiscale, datata e sottoscritta.

All’inizio dell’attività didattica, ovvero al momento del primo insediamento presso il Collegio della Fondazione, i vincitori del concorso dovranno inoltre presentare alla Direzione della Scuola copia sottoscritta per accettazione del Regolamento del Collegio della Fondazione San Carlo, sede di residenza degli studenti e di attività didattica della Scuola di Alti Studi.

Ai sensi dell’art. 3, comma 1 della legge n. 127 del 15 maggio 1997, i dati relativi al cognome, nome, luogo e data di nascita, cittadinanza e residenza, saranno rilevati da un documento di riconoscimento in corso di validità. La Scuola si riserva la facoltà di verificare la veridicità dei dati contenuti nel documento di identità; si riserva inoltre la facoltà di richiedere al tribunale competente il certificato del casellario giudiziario ovvero di richiedere il certificato equipollente alla competente autorità dello Stato di cui l’interessato è cittadino.
Protocollo di prevenzione da Covid-19

La Fondazione Collegio San Carlo applica misure stringenti di tutela della sicurezza sanitaria dei residenti. La Direzione garantisce la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di studio e delle aree comuni. Sono a disposizione in ogni spazio comune punti per l’igienizzazione e vengono distribuiti specifici kit preventivi a tutti i residenti. Tutti gli spazi sono allestiti in modo da consentire il costante rispetto delle distanze di sicurezza anche nello svolgimento delle attività formative, quando non effettuate in videoconferenza. La Direzione monitora costantemente l’insorgenza di eventuali condizioni di rischio, in stretto rapporto con il personale medico e le autorità sanitarie competenti.

Gli allievi del corso di specializzazione devono attendere ai loro studi secondo un piano approvato dal Comitato Scientifico che comprende la partecipazione a seminari di alta formazione interdisciplinare per un totale di 250 ore. Gli allievi devono sostenere alla conclusione del corso di studi una prova che verterà sui temi trattati nei corsi di cui all’art. 1.

La Scuola prevede lo svolgimento dell’attività didattica in presenza. Qualora, alla data di inizio prevista per l’attività dell’a.a. 2020/2021, risultassero emanate o prorogate le disposizioni governative e/o regionali volte alla limitazione della circolazione delle persone a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19, la Scuola attiverà la modalità della didattica a distanza.

La Scuola, con delibera motivata e sentito l’interessato, può disporre che uno specializzando venga escluso dal corso, con conseguente perdita dei benefici in godimento di cui all’art. 10, in caso di:

  1. infrazioni degli obblighi di frequenza e di partecipazione all’attività didattica (assenze ingiustificate, prolungate o comunque tali da non consentire il raggiungimento delle 250 ore richieste nell’Anno Accademico);
  2. infrazioni disciplinari del Regolamento del Collegio della Fondazione San Carlo.

I vincitori devono essere presenti alla data che verrà loro comunicata per iniziare la propria attività. Gli allievi del corso di specializzazione non possono accettare impegni che siano incompatibili con i loro doveri didattici.

Il corso di specializzazione ha la durata di un Anno Accademico. I vincitori usufruiscono della completa gratuità dei corsi; di vitto e alloggio gratuiti nel Collegio della Fondazione lungo tutto il periodo dell’attività didattica, con esclusione dei periodi di vacanza, secondo il calendario accademico definito dalla Fondazione Collegio San Carlo; dell’accesso privilegiato al patrimonio e ai servizi della Biblioteca della Fondazione; di un biglietto di andata e ritorno dal luogo di residenza a Modena.

Approfondimenti