Caps

Children as Philosophers


Si è appena concluso il progetto europeo Children as Philosophers, cofinanziato dal Programma Erasmus + della Commissione Europea e dedicato alle pratiche di filosofia con i bambini di cui la Fondazione San Carlo è stata partner. Il progetto, iniziato nel settembre 2017, ha coinvolto una rete transnazionale di partner, composta da enti di formazione specializzati nell’ambito didattico ed educativo e da istituti scolastici (scuole dell’infanzia, primarie e secondarie), in cui rientrano:  LEAP Ltd – Language Education and Partnership (Regno Unito), Comune di Modena, The Bliss Charity School (Regno Unito), Stiftelsen Onums friskola (Svezia), Scoala Gimnaziala ELF (Romania), Volkshochschule Im Landkreis Cham Ev (Germania), Osnovo uchlishte Hristo Smirneski (Bulgaria).


Obiettivi del progetto
Il progetto Children as Philosophers si è inserito nell’orizzonte delineato dal Programma Erasmus +, ponendosi come obiettivo prioritario il riconoscimento e lo sviluppo di abilità cognitive di alto livello, nel quadro di un più ampio percorso di educazione al pensiero critico e creativo, di promozione della partecipazione attiva dei giovani al dibattito pubblico e di ripensamento del rapporto tra alunni e insegnanti nel contesto scolastico contemporaneo.

Finalità del progetto era infatti sviluppare e promuovere una metodologia innovativa per le pratiche di filosofia con i bambini, considerata come strumento utile per favorire lo sviluppo di abilità critiche e sociali, per incoraggiare nuove forme di agire collettivo e per stimolare la capacità di risoluzione pacifica dei conflitti. In particolare, il progetto ha mirato a contribuire allo sviluppo delle competenze necessarie per essere parte attiva delle società contemporanee, caratterizzate da un alto grado di complessità di fronte alla quale è necessario possedere solidi strumenti concettuali e interpretativi. A questo scopo Children as Philosophers ha sviluppato metodologie formative efficaci che, tramite l’utilizzo degli strumenti tipici della riflessione filosofica e del pensiero creativo, favoriscano lo sviluppo di competenze di base utili per i bambini e i ragazzi. Contemporaneamente, il progetto ha fornito agli insegnanti una serie di competenze, principi e metodologie chiave necessarie per realizzare i percorsi di filosofia con i bambini.


Principali attività

Nell’arco dei due anni di durata del progetto, i partner sono stati impegnati nella realizzazione di attività di carattere intellettuale e teorico, hanno partecipato a percorsi di formazione transnazionale dedicati agli insegnanti e si sono impegnati nella comunicazione e diffusione dei contenuti del progetto nei contesti territoriali di riferimento, anche attraverso la produzione di materiali didattici.

Alla luce della lunga esperienza maturata nell’ambito della filosofia con i bambini, la Fondazione Collegio San Carlo è stata impegnata in particolar modo nella realizzazione di un’analisi comparativa delle esperienze sviluppate non solo dai partner ma anche, ad ampio raggio, da altri attori europei che lavorano sulla filosofia con i bambini, al fine di individuare gli elementi fondamentali e gli scopi delle diverse metodologie, di esaminarne la ricaduta nei contesti locali di riferimento e di valutarne la possibilità di interazione con impostazioni differenti. La ricerca, condotta grazie alla collaborazione degli istituti scolastici comunali coinvolti nel progetto, ha condotto a un volume di prossima pubblicazione contenente le dieci migliori pratiche di filosofia con i bambini, presentate in maniera organica e omogenea, così da consentirne la diffusione ad altri istituti e, più in generale, agli insegnanti e agli educatori europei.

La Fondazione Collegio San Carlo e il Comune di Modena sono stati inoltre impegnati nell’organizzazione del primo incontro di formazione transnazionale per insegnanti previsto dal progetto, che si è svolto a Modena dal 10 al 14 dicembre 2017. Durante lo Staff Training, riservato ai partner del progetto, gli insegnanti hanno partecipato a un percorso formativo dedicato ai principi fondamentali della filosofia con i bambini e alle tecniche del pensiero creativo: hanno visitato inoltre alcune delle scuole del territorio modenese coinvolte nel progetto Children as Philosophers e hanno potuto confrontarsi sulle pratiche e le esperienze di filosofia con i bambini realizzate nei rispettivi contesti scolastici. Ulteriore finalità degli incontri di formazione transnazionale previsti dal progetto (il secondo incontro si è tenuto dal 16 al 20 aprile 2018 in Romania, il terzo è stato ospitato dai partner svedesi dal 25 al 28 febbraio 2019) è stato il confronto tra materiali didattici e strumenti operativi che contribuissero a sviluppare le pratiche di filosofia con i bambini.

Al termine del progetto, i differenti partner hanno organizzato nei rispettivi territori di appartenenza una serie di iniziative pubbliche all’interno delle quali si è dato spazio alla diffusione delle esperienze e delle metodologie innovative per la filosofia con i bambini. A Modena, presso il Multicentro Educativo MEMO, il 14 maggio 2019 si è svolto un incontro di formazione conclusivo dedicato all’utilizzo della filosofia per l’insegnamento nella scuola primaria. Questo momento di condivisione, rivolto non solo agli insegnanti del Comune di Modena e provincia, ma anche a un pubblico allargato, ha permesso ai partecipanti di conoscere i risultati culturali del progetto e sperimentare in prima persona alcune delle attività che i partner hanno condotto durante gli incontri di formazione, riflettendo sugli esiti e immaginando possibili iniziative da svolgersi in ambito scolastico ed educativo.

Leggi la newsletter di aggiornamento sulle ultime attività del progetto.


I partner
LEAP Ltd – Language Education and Partnership (capofila del progetto e curatore del sito del progetto, on line entro poche settimane): ente di formazione specializzato nella creazione di percorsi educativi e didattici a livello transnazionale, con sede a Walsall, nel Regno Unito.

Comune di Modena: partecipa al progetto attraverso l’impegno parallelo del Settore Istruzione e dell’Ufficio per le politiche europee.

Bliss Charity School: istituto scolastico indipendente con alunni di età compresa tra i 4 e gli 11 anni, con sede a Northampton (Regno Unito).

Stiftelsen Onums Friskola: scuola primaria con sede a Vara (Svezia).

Scoala Gimnaziala ELF: scuola privata accreditata con alunni di età compresa tra i 3 e i 15 anni, con sede a Cluj (Romania).

Volkshochule Im Landkreis Cham Ev: associazione non-profit specializzata nella formazione per adulti, con sede a Cham (Germania).

Osnovo uchlishte Hristo Smirneski: scuola primaria con alunni di età compresa tra i 7 e i 10 anni, con sede a Rakowski (Bulgaria).


Il programma Erasmus +
Erasmus + è il programma promosso dalla Commissione Europea nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di capitale sociale tra i giovani, di incentivarne l’emancipazione e di incoraggiare la loro partecipazione alla vita democratica dell’Europa. Concepito come strumento per aiutare i Paesi aderenti ad affrontare alcune tra le sfide più urgenti dell’agenda sociale europea, soprattutto i rischi di emarginazione sociale, Erasmus + sostiene azioni finalizzate a promuovere valori comuni europei, a favorire la comprensione interculturale e il senso di appartenenza alla comunità, in una prospettiva di apprendimento permanente e transnazionale.

All’interno del programma Erasmus + il progetto Children as Philosophers afferisce all’Azione Chiave 2 (“Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche”), che sostiene anche partenariati strategici nel settore dell’istruzione e della formazione. Finalità principale di questa azione chiave è favorire lo sviluppo, la condivisione e l’attuazione di pratiche e metodologie di insegnamento innovative, con particolare attenzione, da un lato, alle attività che favoriscono il conseguimento da parte dei giovani di abilità trasversali, come il pensiero critico e le competenze sociali e multiculturali; dall’altro lato, ai percorsi di formazione e sviluppo professionale per docenti e educatori.