Orizzonti header

Orizzonti mediterranei

Inaugura venerdì 11 ottobre la mostra sulla globalizzazione narrata dai classici greci e latini


Proseguono le attività culturali che la Fondazione San Carlo propone all’interno del Laboratorio duemilaventisei, il percorso di riflessione condivisa sulla propria storia e sul proprio futuro intrapreso dall’istituzione in vista del 2026, anno in cui celebrerà i 400 anni dalla sua nascita.

Venerdì 11 ottobre alle ore 16.45 inaugurerà la mostra Orizzonti mediterranei. Forme di globalizzazione in età classica, nata dalla selezione di alcuni testi del fondo librario appartenuto allo studioso modenese Emilio Mattioli, oggi custodito dalla Biblioteca della Fondazione San Carlo, che ad esso dedica un articolato progetto di conservazione e valorizzazione, realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e con la collaborazione del Polo Bibliotecario Modenese per la catalogazione dei volumi antichi del fondo, nell’ambito di uno specifico intervento finanziato dall’IBC, Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia Romagna.

I volumi esposti, di autori greci e latini (tra cui Erodoto, Tucidide e Giulio Cesare), rimandano, attraverso narrazioni di viaggi, resoconti etnografici e spedizioni di conquista, a forme di globalizzazione del passato che possono ancora oggi porci molte domande, alla luce dei contatti tra popoli diversi che, soprattutto in area mediterranea, caratterizzano il XXI secolo.

L’esposizione si sviluppa in un percorso laboratoriale, articolato nel dialogo tra libri antichi e illustrazioni robotizzate, attività partecipate e conferenze pubbliche (nell’ambito del ciclo di lezioni “Globalizzazioni. Forme e immagini dell’universalismo”, a cura del Centro Culturale). I visitatori potranno infatti interagire con i contenuti proposti, completando frasi filosofiche di autori classici, creando mappe, condividendo domande e appunti sui temi affrontati dalla mostra e dalle conferenze. Offriranno così il proprio originale contributo per la costruzione di una riflessione collettiva su punti chiave delle diverse forme di globalizzazione che si sono realizzate nella storia. Specifiche attività coinvolgeranno gli studenti delle scuole modenesi all’interno di visite guidate.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 20 dicembre con ingresso libero, dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 19. Tre aperture speciali saranno organizzate sabato 19 ottobre, con due laboratori di filosofia rivolti gli adulti dal titolo “Intuizioni sul futuro”, a cura di Luca Mori (su prenotazione); sabato 16 e domenica 17 novembre, con visite guidate alla mostra e al palazzo della Fondazione, a cura di Patrizia Curti e di Chiara Albonico.

Per informazioni e prenotazioni: 059.421240 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 18).

Scarica la cartolina

Torna all'archivio delle notizie

Pubblicata da: Centro Culturale il 08-10-2019