cover fb+sito6

Una faccia una razza

Una mostra fotografica in collaborazione con Fondazione Modena Arti Visive


Una faccia una razza: questo breve motto, che i Greci usano frequentemente quando incontrano persone provenienti dall’Italia, è il titolo del polittico del fotografo Francesco Radino esposto nella Sala Cardinali della Fondazione San Carlo da venerdì 14 febbraio a venerdì 3 aprile 2020.

Ritratti di profughi e volontari provenienti da differenti nazioni, abitanti dell’isola di Lesbos, icone della tradizione ortodossa e mosaici che riportano alle comuni radici storiche si affiancano l’uno all’altro per riflettere sull’origine delle odierne barriere culturali e politiche, in un periodo storico che vede le frontiere aperte per le merci, ma chiuse per le persone.

Nell’ambito del progetto Opere in primo piano, con cui la Fondazione Modena Arti Visive presenta l’arte nei luoghi della cultura della città, il lavoro fotografico di Radino si integra con i temi discussi dal ciclo di conferenze dedicate a “Globalizzazioni. Forme e immagini dell’universalismo”, attraverso cui si intende mostrare come tante e diverse globalizzazioni abbiano contraddistinto da sempre la storia dell’umanità.

In occasione dell’esposizione Una faccia una razza, la Fondazione San Carlo presenta una nuova tappa del Laboratorio duemilaventisei proponendo al pubblico l’installazione Un volto molte persone: a partire da numerosi ritratti di studenti del Collegio del passato e del presente, sarà possibile creare nuovi volti, non esistenti nella realtà ma frutto di un’azione collettiva che ci interroga sulle molteplici radici racchiuse in ogni persona.

La mostra è a ingresso libero, dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 19.

 

Scarica la cartolina

Torna all'archivio delle notizie

Pubblicata da: Fondazione il 12-02-2020