Il corpo tra servitù e signoria nel pensiero antico

  • venerdì 26 ottobre 2007 - 17.30
Centro Culturale

Audio integrale

Il Timeo di Platone costituisce l’atto di nascita, nella cultura occidentale, dell’idea di corpo come struttura unitaria, articolata e funzionante. La comparsa di questa concezione dipende da un’idea altrettanto unitaria e articolata dell’anima – di cui  il corpo è strumento – che Platone aveva  formulatO nella  Repubblica  in un quadro concettuale fortemente politicizzato. Nel Timeo, l’anima viene somatizzata, e reciprocamente il corpo ne risulta psicologizzato e di conseguenza a sua volta politicizzato. Le potenti intuizioni platoniche vengono trasformate da Aristotele nel grande edificio scientifico di una anatomo-fisiologia e di una psico-fisiologia, dove anima e corpo risultano aspetti integrati e interagenti dell’organismo vivente. Gli sviluppi scientifici della medicina antica culminano in Galeno in una concezione organicistica e materialistica, che, pur sviluppando elementi platonici e aristotelici, asserisce la totale dipendenza delle funzioni psichiche dallo stato del corpo, facendo così del medico, che ne cura la salute, anche il garante del buono stato dell’anima.

Riferimenti Bibliografici

- E.R. Dodds, I Greci e l'irrazionale, Firenze, La Nuova Italia, 1973;* - G.E.R. Lloyd, Metodi e problemi della scienza greca, Roma-Bari, Laterza, 1993;* - T.M. Robinson, Plato's Psychology, Toronto, University of Toronto Press, 1995; - B. Snell, La cultura greca e le origini del pensiero europeo, Torino, Einaudi, 1963;* - O. Temkin, Galenism. Rise and Decline of a Medical Philosophy, Ithaca, Cornell University Press, 1973; - M. Vegetti, Anima e corpo, in Id. (a cura di), Il sapere degli antichi, Torino, Boringhieri, 1985, pp. 201-228.*

(*) I titoli contrassegnati con l'asterisco sono disponibili, o in corso di acquisizione, per la consultazione e il prestito presso la Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo (lun.-ven. 9-19)

Presso la sede della Biblioteca, dopo una settimana dalla data della conferenza, è possibile ascoltarne la registrazione.

Altre conferenze del ciclo

Torna all'archivio conferenze