Diritto oggettivo e diritti soggettivi nel costituzionalismo moderno

  • Mauro Barberis

    Professore di Filosofia del diritto - Università di Trieste

  • venerdì 08 ottobre 2010 - 17.30
Centro Culturale

Audio integrale

L’affermazione dei diritti, nella cultura giuridica europeo-occidentale, rappresenta un’autentica rivoluzione: un capovolgimento dell’immagine del mondo sociale degli antichi. In Europa e in Occidente il tutto – la società, lo Stato – viene considerato funzionale alla parte: l’uomo, o meglio l’individuo moderno. La nostra analisi verte solo sugli aspetti giuridici di questa rivoluzione: nel dialogo o piuttosto nella polemica fra culture giuridiche europeo-occidentali – specie angloamericana, francese e tedesca – nasce una cultura dei diritti specificamente europeo-occidentale, benché virtualmente universale. Si tratta di un costituzionalismo dei diritti nel quale il concetto apparso per secondo – i diritti (soggettivi) – acquista un primato assiologico su quello venuto per primo: il diritto (oggettivo).
Questo, peraltro, è solo l’esito provvisorio di un processo che si è dipanato nei secoli, che avrebbe potuto svolgersi diversamente, e i cui passaggi sono comunque tutt’altro che univoci. Quello che, con il senno di poi, appare un dialogo fra culture giuridiche e costituzionali nazionali si è svolto inizialmente e in buona parte continua tuttora a svolgersi in termini polemici. La circolazione dei diritti oltre il limite dei confini statali, e della stessa grande divisione fra common law e civil law, infatti, è avvenuta in un’epoca – l’età della codificazione prima, della legislazione poi – che per più versi non vi si prestava. È l’epoca degli Stati nazionali, del nazionalismo e del positivismo giuridico: apparentemente l’ambiente meno favorevole – se si presta fede a Carl Schmitt – alla diffusione di un lessico e di una cultura giuridica e costituzionale comune.
Di fatto, le discussioni sui diritti in oggetto sono segnate da incomprensioni radicali: come se, passando dall’Inghilterra agli Stati Uniti, dagli Stati Uniti alla Francia, e poi dalla Francia alla Germania, il concetto di diritti ricevesse ridefinizioni così secche da renderlo irriconoscibile; basti pensare alle critiche di autori britannici tanto diversi fra loro come Edmund Burke, Jeremy Bentham e Albert Dicey. In questo processo di trasmissione di concetti e istituti, d’altra parte, la formazione di culture e di sistemi giuridici nazionali non gioca necessariamente solo un ruolo di ostacolo. Dopotutto, anche lo Stato nazionale può vedersi – con l’occhio cosmopolita del giurista europeo – come tappa intermedia rispetto a ulteriori riaggregazioni sovranazionali; le stesse polemiche sui diritti possono forse anche leggersi in positivo.
In un processo di globalizzazione che parte da lontano, e che passa prima per la costruzione di nazioni, poi di imperi coloniali in seguito smantellati, infine per nuove aggregazioni sovranazionali, pure le polemiche sui diritti servono al confronto e alla comunicazione fra culture giuridiche particolari ma virtualmente universali.

(da M. Barberis, Europa del diritto, Bologna, il Mulino, 2008, pp. 155-156)*

(*) I titoli contrassegnati con l'asterisco sono disponibili, o in corso di acquisizione, per la consultazione e il prestito presso la Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo (lun.-ven. 9-19)

Presso la sede della Biblioteca, dopo una settimana dalla data della conferenza, è possibile ascoltarne la registrazione.

Altre conferenze del ciclo

Torna all'archivio conferenze